Acri-Consiglio comunale, passano le variazioni di bilancio

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Solo tre dei nove punti trattati e consiglio comunale costretto ad aggiornarsi per completare gli argomenti in agenda nella seduta di giovedì scorso.
L’unico punto su cui si è votato è stato quello sulla variazione di bilancio, più tecnicamente “gestione del bilancio durante la procedura di risanamento allineamento bilancio ultimo approvato (2016) alle previsioni dell’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato in istruttoria”. E’ stato votato dalla sola maggioranza, come era prevedibile che fosse.
C’era da prendere atto del finanziamento regionale per le iniziative connesse alla causa di canonizzazione di Sant’Angelo d’Acri. Quei 180mila euro dovevano in qualche modo entrare e uscire dal bilancio comunale, così come c’è da tenere conto di una serie di chiarimenti richiesti dal Ministero dell’Interno sull’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato, approvata nella seduta dello scorso 6 settembre.
Come prassi ampiamente consolidata, nelle discussioni che accompagnano provvedimenti connessi al documento di programmazione finanziaria dell’ente ci si infila di tutto e diventano pretesti per formulare giudizi, più o meno pertinenti, sull’andamento amministrativo del Comune e sul lavoro dell’esecutivo.
E qui gli schieramenti sono delineati e osservano la linea di demarcazione tra la maggioranza e le opposizioni.
Sono stati poi trattati unitamente due argomenti richiesti dalla minoranza: trasporti scolastici e sicurezza degli edifici scolastici presenti sul territorio comunale, con contorno di polemiche seguite alla mancata convocazione delle assise entro i venti giorni previsti dal regolamento nello scorso mese di ottobre.
La maggioranza ha difeso la scelta di garantire solo il trasporto per i bambini della scuola dell’infanzia, le opposizioni l’hanno aspramente criticata. Così come non sono mancate le polemiche circa la sicurezza di alcuni edifici scolastici, come Duglia o quello che ospitava il Vaglica.
Momenti di forte contrapposizione anche sugli incarichi e le consulenze gratuiti conferiti dall’amministrazione comunale e sui quali le minoranze hanno richiesto spiegazioni. Esaustive per la maggioranza, carenti per il fronte opposto. Dei reliquati di terreno e dell’ubicazione da comunicare al Ministero di Grazia e Giustizia dell’eventuale supercarcere se ne riparlerà la prossima volta.

Da “Il Quotidiano del Sud” del 18-11-2017 Piero Cirino

79 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

error: Content is protected !!