Acri-Elezioni, Feraudo valuta ricorso contro le sette liste di Capalbo

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Maurizio Feraudo ha richiesto l’accesso agli atti per verificare se vi sia il presupposto per presentare ricorso contro le sette liste che sostengono Pino Capalbo.
Si parla di presunte incongruenze nelle firme che hanno accompagnato la presentazione delle liste. In pratica, alcune, questa è l’ipotesi, potrebbero essere annullate, con la possibilità di non raggiungere il numero minimo necessario, pena l’esclusione dalla competizione.
Intanto “Progetto Acri a 5 Stelle”, uno dei due meetup che si rifanno alle posizioni del Movimento Cinque Stelle, ha deciso di appoggiare, con un proprio candidato in lista, Mario Bonacci nella corsa alla carica di sindaco. Lo ha ufficializzato ieri, con una nota.
“Come ormai risaputo – vi si legge -, anche questa volta il Movimento 5 Stelle non parteciperà alle prossime elezioni comunali della nostra città. A nulla sono valsi il lavoro svolto e i risultati che come “Progetto Acri a 5 Stelle” abbiamo conseguito: l’uso del simbolo non è stato concesso. A causa – prosegue la nota -, supponiamo dell’ancora scarsa organizzazione e strutturazione del Movimento, in particolare a livello locale. Noi tuttavia non ci siamo arresi. Le istanze e le idee che esso esprime sono per noi irrinunciabili. Istanze e idee, ricordiamolo, che alle ultime elezioni Politiche hanno riscosso il consenso di oltre 3 mila elettori acresi (pari al 28% dei votanti); tanto è sentita, tra i nostri concittadini, l’urgenza di un rinnovamento radicale e profondo della politica”.
Alla luce di tali considerazioni, “abbiamo sentito il dovere di partecipare alla competizione elettorale di giugno. E quando abbiamo scoperto Mario Bonacci, la cui storia racconta di un professionista serio e onesto che ha vissuto e vive del proprio lavoro e come amministratore è l’unico che negli ultimi 17 anni della storia di Acri sia riuscito, da assessore al Bilancio, a ridurre il debito da € 17 milioni ereditati dalla giunta Tenuta a € 3 milioni, abbiamo ritenuto che fosse l’uomo giusto per il momento storico del nostro Comune, che è in dissesto finanziario, e abbiamo dato vita, insieme a lui e a tutti i candidati e sostenitori, a “Progetto Acri”.
Insieme abbiamo elaborato- si legge ancora nel comunicato -, in perfetta sintonia, il programma amministrativo che vi invitiamo a conoscere e giudicare. Programma che si basa sulla partecipazione attiva e feconda dei cittadini, di tutti i cittadini, al processo propositivo e decisionale, come una reale democrazia esige, come la nostra Costituzione solennemente stabilisce”.
Francesco Greco “è il candidato a consigliere comunale, scelto dal nostro gruppo, ed è presente nella lista “Democratici per la legalità”.

Da “Il Quotidiano del Sud” del 17-05-2017 Piero Cirino


Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

error: Content is protected !!