IL CHIURITO di Damiano Pisarra

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In alcuni momenti mi assale un pizzicorino, un prurito, una curiosità, un vero e proprio chiurito, se mi è consentito fare ricorso al vernacolo. Ma bando ai preamboli e veniamo quasi subito al sodo: la piccola mente “che non ha mai prodotto nulla di concreto per la realtà politica acrese”, se non solo qualche maldestro tentativo di infilarmi tra le pieghe di un mondo malato e malsano con la balorda intenzione di cambiare in meglio il sistema, ha partorito un modesto e piccolo pensiero relativo alla vicenda FONDAZIONE MaB.

Lo scorso 6 settembre (e tutti penserete ca fina a mo è dormutu) il consiglio comunale si è pronunciato positivamente (e aggiungo finalmente) in merito all’adesione alla Fondazione MaB, riparando al torto ma soprattutto alla mancanza di lungimiranza politica e amministrativa della passata gestione. E tutti penserete: e quindi??? E mo chi vodissa diri??? Buanu susutu!!! E guarda a Pisarra che sinapsi veloci!!! Bravo, applauso!!!

Però… e c’è un però, perchè ad Acri amiamo complicarci la vita, anche perché se non ci fosse il però, vi chiederete, da dove potrebbe nascere il mio CHIURITO. Ebbene credo che volendo fare una stima esatta del tempo impiegato per discutere questo punto all’ordine del giorno e relativa votazione si arriva a mezz’oretta scarsa, considerato che la vicenda era nota a tutti e che in questo caso, giustamente, maggioranza e opposizione erano pienamente concordi ad entrare nella Fondazione. Da quando conosco questa vicenda, sponsorizzata dal mio amico Dott. Salvatore Ferraro (meglio conosciuto cum u miadicu e du Scigheatu) all’epoca vice-sindaco (A.D. 2015), mi sono sempre schierato fermamente a favore dell’adesione alla Fondazione, anche in virtù di quell’amore viscerale che mi lega al territorio tanto da averne fatto una ragione di vita, visto che ho la presunzione di occuparmi e qattru petri vecchi o e rasti e ceramidi, cercando sempre di sensibilizzare quelli che mi circondano ad apprezzare la nostra amata-amara terra.

Ma voi (se qualcuno dovesse leggere questo pensiero notturno) vi chiederete, ma insomma su chiuritu??
In occasione del primo dibattimento in consiglio comunale sulla questione Fondazione Mab (A.D. 2016) si era levato un capannello di cittadini amanti delle arti venatorie (che avrebbero fatto meglio a spareari metaforicamente allu Ghiegghiu…e doppu allu dupu, considerata la mia discendenza di cui vado orgoglioso), capannello che si sentiva minacciato dalla Fondazione Mab, definita in alcuni casi anche “Carrozzone”. Ed eccoci al chiurito, vorrei chiedere agli oltre 1000 cittadini che all’epoca avevano sottoscritto un documento contro l’ingresso della nostra amministrazione comunale nella Fondazione, e principalmente al loro rappresentante Tullio Capalbo (mio caro amico ed ex compagno di partito con cui ho militato nel PdCI) come mai in questa circostanza non ci sono state proteste, asserragliamenti, interviste, blablablablabla, contro l’adesione alla Fondazione.

Un caro saluto, Damiano Pisarra

127 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

error: Content is protected !!