Consiglio comunale. I possibili scenari

Condividi:

In attesa di capire le dinamiche che ci accompagneranno al ballottaggio tra Pino Capalbo e Natale Zanfini di domenica 26 giugno, ecco i due possibili scenari del consiglio comunale che verrà. In ogni caso, la coalizione che sostiene Pino Capalbo avrà la maggioranza nelle assise.

Pino Capalbo con le sue liste ha già in tasca in ogni caso otto consiglieri su sedici.

Nel caso in cui vinca ecco la composizione delle assise:

Per la maggioranza Simone Bruno (Partito Democratico), Raffaele Morrone (Partito Democratico), Franca Sposato (Partito Democratico), Luigi Maiorano (Pino Capalbo sindaco), Cosmo Manfredi (Pino Capalbo sindaco), Luca Siciliano (Civicamente Acri), Anna Cecilia Miele (Civicamente Acri), Raffaele Gencarelli (Acrinsieme), Mario Bonacci (Articolo Uno), Francesco Antonio Ferraro (Partito Socialista Italiano);

Per le opposizioni Natale Zanfini, Giuseppe Intrieri (Moderati per Acri), Salvatore Palumbo (Acri futura), Nicola Feraudo (Acri bellissima), Emilio Turano (Uniti Centro e Periferie) e Angelo Giovanni Cofone.

Se vince Natale Zanfini, Pino Capalbo ha comunque la maggioranza di nove consiglieri, per cui si prefigura la cosiddetta “anatra zoppa”.

Entrerebbero in consiglio in questo caso, per la “Coalizione Civica Acrese”: Giuseppe Intrieri (Moderati per Acri), Salvatore Palumbo (Acri futura), Nicola Feraudo (Acri bellissima), Emilio Turano (Uniti centro-periferia), Luigi Caiaro (Acri bellissima) e Natale Bruno (Cambiamo Acri). Angelo Giovanni Cofone per “Alternativa per Acri”.

Per la coalizione del sindaco uscente, Pino Capalbo, Simone Bruno (Pd), Raffaele Morrone(Pd), Luigi Maiorano (Pino Capalbo sindaco), Cosmo Manfredi(Pino Capalbo sindaco), Luca Siciliano (Civicamente Acri), Raffaele Gencarelli (Acrinsieme), Mario Bonacci (Articolo Uno), Francesco Antonio Ferraro(Psi).


Condividi:

Lascia un commento

error: Content is protected !!