Acri-Chiude i battenti Assaporagionando. Per tre giorni Acri riferimento regionale, per la definitiva consacrazione dell’iniziativa

Condividi:

La ventunesima edizione di Assaporagionando chiude con molte certezze e con il legittimo orgoglio degli organizzatori. La manifestazione di riflessione e degustazione, di incontro tra operatori dei diversi settori produttivi che da vent’anni cerca, spesso riuscendovi, di interpretare e proiettare nel poi le dinamiche locali e mondiali dei mercati e delle esigenze, ha appena chiuso gli stand espositivi.

Questa edizione si è tenuta ad Acri, dove è nata e dove nel tempo ha trovato il suo terreno d’elezione, nonostante qualche incursione in altri territori, nello storico Palazzo Sanseverino-Falcone, trasformatosi da venerdì a domenica scorsi in meta da raggiungere per migliaia di visitatori provenienti anche da oltre i confini provinciali.

Dati alla mano, si è trattato senza ombra di smentita di una delle migliori edizioni della manifestazione, se non la migliore.

I semi piantati nel ventennale, tenutosi lo scorso anno nella medesima location, hanno prodotto i frutti sperati. Quaranta aziende espositrici hanno potuto esporre il meglio della loro produzione incontrando la curiosità e la soddisfazione del consumatore.

La squadra del direttore Alex Franzisi e del presidente Emilio Servolino ha predisposto e realizzato un programma ricchissimo, che ha calamitato l’attenzione dei visitatori. Neanche il tempo di godersi l’evento appena concluso, che se en apriva un altro altrettanto interessante. Incontri – dibattito, spettacoli, libri, show cooking hanno avvinto e conquistato. Assaporagionando, con il patrocinio del Comune di Acri, è riuscita anche a connettere e connettersi alle tante associazioni che operano sul territorio, che hanno fornito il loro contributo, innervandosi nel contesto e facendolo proprio.

La giornata internazionale delle persone con disabilità di sabato, in sinergia con l’assessorato comunale ai Servizi Sociali, con la toccante testimonianza del colonnello Carlo Calcagni e la presenza di centinaia di studenti internazionali di Erasmus ha ulteriormente arricchito un programma variegato, raccontato nei suoi tratti più significativi da Radio Akr, con dirette no stop e numerose finestre informative, che hanno esaltato il protagonismo anche degli espositori.

Smaltita la fatica per l’impegnativa tre giorni e recuperate le energie, quelli di Assaporagionando potranno fare il loro bilancio, con una certezza: il prossimo anno si potrà migliorare. Ma non sarà semplice.


Condividi:

Lascia un commento

error: Content is protected !!