ACRI:Operaio di 22 Anni Muore Folgorato Mentre Allacciava le Luminarie

Condividi:

ACRI – Una tragedia ha listato a lutto la tradizionale festa di San Giacomo, nella omonima popolosa frazione di Acri.

Vincenzo Campana, operaio di 21 anni, di Corigliano, ieri pomeriggio, è morto folgorato mentre lavorava all’allestimento delle luminarie per i festeggiamenti in programma da lunedì a giovedì prossimi.

Sembra che l’uomo fosse intento a sostituire alcune lampadine che non funzionavano, quando è partita la scossa letale che lo ha praticamente ucciso sul colpo. Con lui c’era il titolare della ditta per la quale lavorava, che ha assistito impotente alla scena.

Campana era salito su una scala e stava compiendo operazioni che avrà portato a termine moltissime altre volte, essendo dipendente di una ditta che esegue proprio questo tipo di lavori e che era stata contattata anche per la Festa di San Giacomo.

La tragedia è avvenuta intorno alle ore 17:30, in Via Lungostrada, nel cuore di una frazione che dista circa quindici chilometri dal centro cittadino e che gravita anche  su Corigliano, essendo posta proprio al confine tra i due grossi Comuni.

Una signora ha assistito alla scena, mentre era affacciata alla finestra e ha lanciato subito l’allarme, chiamando, in evidente stato di shock i Vigili del Fuoco.

Sembra che lo sfortunato operaio fosse sulla scala al momento della scossa, probabilmente mentre cercava di capire cosa non andasse nell’impianto, ancora in fase di allestimento.

Le luminarie si estendono per diverse centinaia di metri, fino a raggiungere la zona che rappresenta il cuore dei festeggiamenti civili, che fanno da contorno a quelli religiosi.

Il programma si conclude nel giorno in cui si festeggia San Giacomo, cioè il 25 luglio, che quest’anno cade di lunedì.

Immediati i soccorsi, che tuttavia si sono rivelati vani, essendo Campana morto sul colpo. A San Giacomo arriveranno, subito dopo la segnalazione, i sanitari del 118 dell’ospedale di Acri, che hanno solo potuto constatare l’avvenuto decesso, i Carabinieri della stazione del centro presilano e quelli di Rende.

Subito dopo il medico legale e quello dell’ispettorato del lavoro. La Procura della Repubblica ha già aperto un fascicolo d’indagine per far luce sulla dinamica dell’incidente e per accertare eventuali responsabilità nell’accaduto.

La notizia della tragedia si è diffusa praticamente subito nella comunità sangiacomese prima e acrese poi. La morte del ragazzo ha ovviamente generato una vasta eco di emozione e fatto passare in secondo piano i preparativi dei festeggiamenti, che rappresentano un appuntamento di piena estate piuttosto sentito.

Vincenzo Campana lascia moglie e due figli, oltre a una scia di dolore in chi lo ha conosciuto.


Condividi:

Lascia un commento

error: Content is protected !!